irkutsk
Irkutsk,  Russia

Irkutsk, la capitale della Siberia.

Irkutsk, la fredda capitale della Siberia, tappa più famosa della transiberiana e ottimo appoggio per una visita al lago Baikal.

Nel tardo pomeriggio dal centro di Mosca ci dirigiamo all’aeroporto di Domodedovo, al momento del check-in l’hostess di terra, alla mia risposta alla sua domanda “dove siete diretti” ha esordito con un “what?”.

Forse perché la Siberia non è proprio quella meta turistica ambita, oppure perché i pochi che la visitano arrivano con la famosa transiberiana. Eppure il governo russo ha investito denaro negli ultimi anni proprio per promuovere il turismo a Irkutsk; al contrario di Mosca qui le vie sono indicate anche in caratteri latini, le mappe e i cartelli che raccontano le chiese, le sculture e i musei sono anche in lingua inglese. Le chiese e le tipiche case in legno, nel centro della città, sono state restaurate e riportate allo splendore iniziale. Tutto è avvenuto nel 2011 in occasione dei 350 anni della città.

una delle tipiche case di legno
Una delle tipiche case di legno
Irkutsk- passeggiando per il centro
Passeggiando per il centro

La sua posizione vicino al famoso lago Baikal, alla Mongolia e alla Cina, la rendono un comodo punto di partenza per chi vuole visitare questa parte del mondo o una comoda ultima tappa per chi arriva in treno da Mosca.
Dentro il terminal dei voli domestici nessuno parla inglese, riesco a ordinare due birre, tento di ordinare delle patate ma sono finite… pazienza mangeremo in aereo, infatti, sono già le 21.20 e iniziano a imbarcarci.
Dopo quasi sei ore di volo, alle 8.05, atterriamo a Irkutsk. Per noi sono le 3 del mattino visto che siamo 5 ore avanti a Mosca. Appena scesa dall’aereo non dimenticherò mai l’aria gelata del mattino a darmi il buongiorno. Benvenuti in Siberia. È il 25 di maggio, cappotto e sciarpa mi faranno compagnia per tutto il viaggio.

irkutsk-passeggiando per la città
Passeggiando per la città

L’aeroporto di Irkutsk somiglia più a una stazione, dietro a delle porte di vetro e legno ci sono i nostri bagagli, all’ingresso delle hostess di terra controllano le nostre carte d’imbarco per farci entrare a recuperarle.
Ci imbattiamo in una signorina che prende prenotazioni per i taxi (e parla solo russo) ne approfittiamo anche noi; 5 euro per il centro città, ci sembra ragionevole. Scopriremo in seguito che ci ha fregati perché al ritorno, con il taxi chiamato dall’hotel, ne spenderemo la metà.

Irkutsk presenta una buona varietà di hotel e ostelli, per il nostro soggiorno ho volutamente scelto uno di quei casermoni sovietici che mi piacciono tanto, lAngara Hotel. Si tratta di un grande business hotel, all’interno si possono trovare; ristoranti, un pub, palestra e spa, questo per permettere di fare svagare l’ospite che si trova in città durante l’inverno, quando il clima rende difficile di uscire la sera.

Angara Hotel
Angara Hotel

L’impatto con la città è emozionante, il cielo qui in siberia sembra di ghiaccio e il clima cambia continuamente. Nelle vie principali, di una città semideserta e fatiscente altoparlanti diffondono musica popolare russa rendo tutto ancora più anacronistico.

I negozi del centro
I negozi del centro
Una via del centro
Una via del centro

La città è stata fondata nel 1661, inizialmente era un presidio militare cosacco per sottomettere i nativi del luogo, i buriati. Da qui partirono numerose esplorazioni alcune arrivare anche in Alaska! Come abbiamo già detto la sua posizione, se ora è tattica per un turista, all’epoca fu utile per farla diventare il centro commerciale della siberia orientale che barattava legname con tè e stoffe.

Non dimenticherò mai le tipiche case in legno, l’odore di smog costante, gli autobus scassati, l’ottima cucina, le strade semideserte e la sensazione di essersi fermati nel tempo.

passeggiando per Irkutsk
Passeggiando per Irkutsk

Curiosità inaspettata: Adriano Celentano ci accompagnerà durante tutto il nostro soggiorno a Irkutsk, trasmesso dalle radio di supermercati e ristoranti.

Non perdetevi il prossimo articolo su cosa vedere a Irkutsk!

Irkutsk, cosa vedere in 48 ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *