Villaggio, Fatehpur Sikri
Fatehpur Sikri,  India,  Wild Adventure

Fatehpur Sikri. Una tappa imperdibile lontano dalla frenesia della città.

 

Fatehpur Sikri
Fatehpur Sikri

 

AGRA > FATEHPUR SKIRI (auto 1h circa)

 

Finalmente lontani dalla frenesia della città! Tappa di mezza giornata a Fatehpur Sikri, città fortificata, capitale dell’impero moghul dal 1571 al 1585.

La città in quel periodo era governata dall’imperatore Akbar, che la fece costruire dopo che si avverò la profezia del santo sufi Shaikh Salim Chishti sulla nascita di un erede maschio al trono moghul.

La città, magnifico capolavoro d’arte indo-islamica, è inserita dall’UNESCO nei Patrimoni dell’Umanità.

 

Jama Masjid, Fatehpur Sikri
Jama Masjid, Fatehpur Sikri

 

I palazzi si trovano accanto alla moschea Jama Masjid, finita di costruire nel 1571 e caratterizzata dalla presenza di elementi architettonici persiani e indiani.

Nel cortile della moschea si trova la meravigliosa tomba di Shaikh Salim Chishti, un monumento in marmo bianco legato ad una particolare curiosità. La tomba del mistico infatti è presa d’assalto da donne che desiderano avere un figlio. Esprimono il loro desiderio e legano un filo di cotone alla grata (jali) che protegge la tomba, nella speranza che esso venga esaudito da colui che tramite la sua profezia nel 1568 pose fine alla mancanza di figli maschi da parte dell’imperatore Akbar.

 

Fili legati ai jali, Fatehpur Sikri
Fili legati ai jali, Fatehpur Sikri

Fili legati ai jali, Fatehpur Sikri

 

Tra i palazzi e i padiglioni di Fatehpur Sikri degno di nota è il Diwan-i-Khas (Sala delle udienze private), non tanto per l’edificio in sè, ma perché al suo interno è possibile ammirare una colonna centrale in pietra intagliata meravigliosa.

 

Palazzi e padiglioni, Fatehpur Sikri
Palazzi e padiglioni, Fatehpur Sikri

 

 

Diwan-i-Khas, Fatehpur Sikri
Diwan-i-Khas, Fatehpur Sikri
Dettaglio colonna nel Diwan-i-Khas, Fatehpur Sikri
Dettaglio colonna nel Diwan-i-Khas, Fatehpur Sikri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C’è poi la stupenda Vasca Ornamentale (Anup Talao), dove si trova una piattaforma collocata sull’acqua, sulla quale Akbar faceva esibire gruppi di cantanti e di musicisti. Il Khwabgah (Casa dei Sogni) è invece una zona adibita al riposo in cui campeggia un enorme letto in pietra.

 

 

 

 

Anup Talao e Khwabgah, Fatehpur Sikri
Anup Talao e Khwabgah, Fatehpur Sikri

 

 

 

 

A ovest dalla Vasca Ornamentale vi sono i quartieri femminili, il cui edificio principale è il Palazzo di Jodh Bai, un tempo dimora della moglie hindu preferita da Akbar. Questo edificio, disposto intorno a un grande cortile, è un elaborato connubio tra colonne tradizionali indiane, cupole islamiche e tegole persiane di colore turchese e azzurro.

 

 

 

Dettaglio del Palazzo di Jodh Bai, Fatehpur Sikri
Dettaglio del Palazzo di Jodh Bai, Fatehpur Sikri
Palazzo di Jodh Bai, Fatehpur Sikri
Palazzo di Jodh Bai, Fatehpur Sikri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palazzo di Jodh Bai, Fatehpur Sikri
Palazzo di Jodh Bai, Fatehpur Sikri

 

 

 

All’esterno sorge la Miriam’s House che secondo la leggenda era il palazzo di Miriam, la moglie cristiana di Akbar, anche se alcuni ritengono non ne abbia mai avuta una e che questo nome fosse solo l’abbreviazione di Miriam-Ut-Zamani (Bella come una rosa), titolo dato a Jodh Bai. Questo edificio, come altri, presenta elementi architettonici provenienti da tradizioni religiose differenti (soffitto a cupola in stile islamico e affresco raffigurante la divinità hindu Shiva).

 

 

 

Miriam's House, Fatehpur Sikri
Miriam’s House, Fatehpur Sikri

 

 

Donne all'interno della città, Fatehpur Sikri

Donne all'interno della città, Fatehpur Sikri

Donne all'interno della città, Fatehpur Sikri
Donne all’interno della città, Fatehpur Sikri

 

 

 

 

 

Alle spalle del complesso principale è possibile trovare molte altre rovine una volta cortili, piccola moschea e hammam dell’allora città di Fatehpur Sikri.

 

 

 

Rovine, Fatehpur Sikri

Rovine, Fatehpur Sikri

Rovine, Fatehpur Sikri
Rovine, Fatehpur Sikri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nonostante la fastidiosa pioggerellina, questo posto ci ha rigenerate..si respira la pace (fatta eccezione della zona della moschea Jama Masjid, piena di venditori ambulanti) e la tranquillità di una città abbandonata. A questo punto siamo pronte a rimetterci in marcia alla volta di Jaipur.

 

 

 

 

 

 

Jaipur. La città rosa e degli Elefanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *